Lettera XXII

Veduta della costa di Posillipo – Tomba di Virgilio - Grande
rispetto di Virgilio da parte dei Napoletani – Aerea situazione -

Un grandioso scenario

6 Novembre 1780

Sino ad oggi non abbiamo avuto altro che pioggia; il mare è sempre stato coperto di nebbie, e Capri sempre invisibile. Ci crederesti? Non son ancora riuscito a salire su Monte Elmo e a
Capo di Monte, per ammirare una veduta della città.

Alla fine un lucente sprazzo di luce mattutina mi salutò dalla mia grande terrazza di Chiaja, che domina l’intero litorale di Posilipo. Insensibilmente mi sporsi da questa e (sai quale passo tengo quando devo scoprire qualcosa) presto raggiunsi l’entrata della grotta, che si trova tra scure ombre, mentre gli spuntoni che si abbassano sopra di essa erano scintillantemente illuminati.

Cespugli e vigneti crescono lussuriosi tra le crepe della rocca; e i suoi freschi colori gialli, variegati con edera, rimandano un leggiadro effetto. Sulla destra, un boschetto di pini spuntava dai più alti pinnacoli: sulla sinistra, la baia ed un castagneto cela la tomba di Virgilio, situata sulla sommità di una scogliera che incombe sopra l’apertura della grotta, e che è frangiata di vegetazione. Sotto vi sono diverse ampie aperture nella pietra, che conducono in caverne profonde sessanta o settanta piedi, dove una moltitudine di paesani impegnati negli scavi facevano un trambusto con i loro utensili per nulla sgradevole. Camminai alla luce del mattino e mi sedetti su una pietra smossa subito sotto al primo tetro arco della grotta, e guardando verso la luna e solenne prospettiva che terminava con un granello di grigia luce incerta, mi misi a venerare un’opera che qualche antico cronista immaginò risalente alla guerra Troiana. In quel punto la misteriosa razza dei Cimmeri compiva i loro riti infernali, e lì si trovava lo scavo che forse portava alla loro dimora.

I Napoletani ritengono invece che l’origine del luogo sia più moderna, sebbene la datazione sia davvero problematica: credono che questa sia stata plasmata dalle magie di Virgilio, che, come Addison molto giustamente osserva, è meglio noto qui a Napoli per le sue arti magiche che non come autore dell’Eneide.

Questa stramba infatuazione deriva probabilmente dalla vicinanza con la tomba nella quale si ritiene conservi le sue ceneri; e che, secondo la tradizione popolare, era sorvegliata dagli stessi spiriti che l’aiutarono nella creazione della caverna. Qualunque cosa possa aver fatto nascer questa superstizione è certo che tale mito non è per nulla confinato alla popolazione di bassa estrazione.

Re Roberto, un monarca saggio sebbene lontano dall’arte poetica, qui condusse il suo amico Petrarca; e, indicando l’entrata della grotta, gli chiese con tono grave, se condividesse la credenza generale e concludesse che questo stupendo passaggio fosse stato originato dai poteri magici di Virgilio. La risposta può essere arguita.

Dopo che rimasi seduto per un certo tempo a contemplare questa via tenebrosa e cercando di persuadere me stesso che anticamente fu tagliata dai Cimmeri, decisi di ritirarmi, e seguii uno stretto sentiero che mi condusse, dopo alcune curve e serpeggiamenti, lungo l’orlo del precipizio, attraverso un vigneto, in quel recesso tra le rocce che custodisce la tomba di Virgilio, venerabilmente ricoperta di muschio e quasi per metà nascosta da arbusti e vegetazione. Il volgarotto che mi condusse rimase a distanza, mentre io cominciai a commerciare con i Mani del mio amato poeta e mi feci strada tra i cespugli che pendevano dalla bocca della caverna.

Avanzando sul bordo della roccia, vidi una folla di persone e di carriaggi, assottigliata dalla distanza, uscire dal cuore delle montagne e scomparire subito dopo essersi mostrata nelle
curve della strada. Arrampicandomi sulla caverna, mi azzardai a sporgere il mio collo sulla cima di uno dei pini, così da poter guardare e contemplare quella razza di pigmei che così
alacremente si muoveva da una parte all’altra. Il sole bruciava più di quanto avrei voluto, ma le brezze provenienti dal mare mi accarezzavano con i loro sbuffi in quel luogo da cui dominavo la baia screziata di conventi, palazzi e giardini misti a mastodontiche masse di roccia e coronati dagli edifici statali dei Cartesiani e della fortezza di Sant’Elmo.

Aggiungi una distesa celeste del mare a questa veduta, con Capri che sorgeva dal suo grembo ed il Vesuvio che esalava una candida colonna di fumo nell’etere, ed avrai la scena che contemplai per più d’un’ora, quasi dimenticando che ero appollaiato sulla cima d’un pino con null’altro eccetto una fragile frasca a sostenermi. Comunque riuscii a discendere incolume, perché il genio di Virgilio, ne ero certo, mi proteggeva.


Le mie pubblicazioni

A vostra disposizione le mie pubblicazioni, buona lettura!

La guerra delle razze

Guarda il mio canale youTube

Capitoli

Lettera II

LETTERA II.
Villa Mosolente – La strada verso Venezia – Prima veduta della
città – Scioccante veduta del Leone Bianco – Vista mattutina Leggi tutto »


Lettera III

LETTERA III.
Chiesa di San Marco – La Piazza – Maestose celebrazioni
qui anticamente celebrate – Grande architettura di Sansovino - Leggi tutto »


Lettera IV

LETTERA IV.
Caldo eccessivo – Il Diavolo e l’Africa – Spiaggia triste -
Scena dello Sposalizio del mare – Ritorno a Piazza Leggi tutto »


Lettera V

M. De Viloison ed il suo attendente Lappone – Disegni di
antichi costumi Veneziani in uno dei palazzi dei Gradanigo -
Capolavoro di Tiziano nella chiesa dei Leggi tutto »


Lettera VI

LETTERA VI.
Isole di Burano, Torcello e Mazorbo – L’un tempo popolosa
città di Altina – Un’escursione – Leggi tutto »


Lettera VII

LETTERA VII
Costa di Fusina – Il Brenta – Un Villaggio di Palazzi – Fiesso -
Raffinata canzone del Galluzzi – Leggi tutto »


Lettera VIII

Fantasticherie – Mura di Padova – Confusa Catasta dedicata a
Sant’Antonio – Devozione al suo Altare – Adoratori penitenti - Leggi tutto »


Lettera IX

LETTERA IX
Chiesa di Santa Giustina – Tombe di un’antichità remota - Buffi
atteggiamenti di devoti reumatici – La musica di Turini – Altra Leggi tutto »


Lettera X

Passaggio del Po – Regione boscosa – Vendemmia – Reggio -
La catena degli Appennini – Idee romantiche connesse a queste Leggi tutto »


Lettera XI

Regione sterile – Discesa verso paesaggio migliore – Vista di
Firenze da lontano – Luce della Luna – Visita in Galleria - Resti Leggi tutto »


Lettera XII

Escursioni tra le colline – Gita con Pacchierotti - Prende
freddo sulle montagne – L’intera Repubblica è in Leggi tutto »


Lettera XIII

Partenza per Pisa – Il Duomo – Interno della Cattedrale - Il
Campo Santo – Solitudine nelle strade nel mezzodì – Seguito Leggi tutto »


Lettera XIV

Il Molo di Livorno – Costiera tempestata di Torri di
avvistamento – Acquisto inaspettato di rami corallini Leggi tutto »


Lettera XV

Firenze ancora – Palazzo Vecchio – Veduta dall’Arno -
Sculture di Cellini e di Giovanni da Bologna – Disprezzo
mostrato dagli Austriaci alla memoria Leggi tutto »


Lettera XVI

Trattenuto a Firenze a causa di notizie sulla Malaria a Roma -
Scalata delle colline celebrate da Dante – Veduta dalla sua Leggi tutto »


Lettera XVII

Pellegrinaggio a Valombrosa – Rocce scoscese – Boschi di Pini -
Grande Anfiteatro di Prati e Pascoli – Accoglienza al
Convento – Valli selvagge dove Leggi tutto »


Lettera XVIII

Cattedrale di Siena – Una Camera a volta – Partenza da Siena -
Montagne intorno a Radiocofani – Palazzo infestato dei Leggi tutto »


Lettera XIX

Partenza dai tetri confini di Radiocofani e ingresso nei territori
Papali – Zona vicino ad Acquapendente – Sponde del Lago di Leggi tutto »


Lettera XX

Partenza nell’oscurità – Il Lago di Vico – Veduta delle ampie
pianure dove i Romani innalzarono il trono dell’impero - Antico Leggi tutto »


Lettera XXI

Partenza da Roma per Napoli – Scenario nei dintorni di Roma -
Albano – La malaria – Velletri – Associazioni classiche - Il Leggi tutto »


Lettera XXII

Veduta della costa di Posillipo – Tomba di Virgilio - Grande
rispetto di Virgilio da parte dei Napoletani – Aerea situazione - Leggi tutto »


Lettera XXIII

Una passeggiata sulla spiaggia di Bai – Riti locali - Passaggio
della baia – Resti di un tempio dedicato a Ercole - Mirabile Leggi tutto »


Ti piace?

Se apprezzi il mio lavoro e vuoi contribuire al mantenimento del sito: effettua una donazione!!!
Non esitare... qualsiasi importo sarà gradito :-)

Dona con PayPal