Volume 1 - La caduta dell'Impero Romano d'Occidente

E' sempre arduo porre un inizio ed una fine alle storie. Soprattutto se, in questo caso, affrontiamo quella dell’Impero Romano.
A dir la verità, l’inizio è facilmente collocabile, ma solo dal punto di vista dell’evento leggendario: la fondazione di Roma nel 753 a. C. da parte di Romolo e Remo. In realtà si dovrebbe parlare di un processo lento che ha portato un piccolo villaggio a dominare prima la penisola, poi l’Europa ed infine tutto il mondo mediterraneo.
I Romani adottarono sin dall’inizio un atteggiamento di aperta ostilità verso i popoli confinanti. La loro arma segreta era la consapevolezza di essere superiori a tutti gli altri: il cittadino romano, secondo gli déi, era destinato a dominare. Questa idea di superiorità a tutti i costi è comune alle varie epoche di Roma, dal periodo regio alla Repubblica, dall’Impero all’Alto Medioevo. Ed ogni volta che i fatti dimostravano il contrario, si cercava un capro espiatorio ben preciso, un generale o un uomo di stato su cui addossare le colpe della disfatta.
Bisogna ammettere che sino al IV secolo d. C. le situazioni negative che richiesero questa assunzione di responsabilità univoca furono assai rare. Annibale detiene il primato di averne create il maggior numero.
La superiorità si dimostrava anche nella politica interna. Nessuno credeva che la Repubblica Romana sarebbe finita. Sembrava una costruzione troppo perfetta.
Ed invece, quando le sue istituzioni divennero troppo strette per generali e soldati, finì.
Fu un’evoluzione bagnata dal sangue di decine di migliaia di persone, nel corso di quasi due secoli. Gaio, Silla, i Gracchi, Giulio Cesare e Pompeo, Ottaviano: protagonisti molto diversi ma accomunati dalla stessa volontà di conquistare il potere senza passare da regole ormai obsolete, e percepite tali anche dalla popolazione.
Roma aveva inglobato la Grecia, il Medio Oriente, la Gallia, la penisola iberica, l’Africa e la Britannia. Era necessaria una modernizzazione, che coincise con una militarizzazione.
Dapprima il passaggio fu blando, con un princeps illuminato come Cesare Ottaviano Augusto. Successivamente, Caligola e Nerone dimostrarono i lati negativi del dispotismo. La pax antonina ridiede fiducia nelle istituzioni dopo un periodo di guerre civili. Traiano portò i vessilli e le aquile imperiali in territori sino a quel momento inesplorati, e regalò all’Impero la sua massima estensione. Marco Aurelio fu l’imperatore-filosofo, ma di una filosofia tipicamente latina: scriveva di accettare la morte stoicamente, come Socrate, ma in realtà non ne era per nulla convinto. Aureliano e Settimio Severo furono gli imperatori guerrieri, i primi uomini di provincia che difendevano Roma. Con Eliogabalo, infine, l’Impero entrò in contatto direttamente con quel modello di satrapo che ispirerà molti degli Imperatori d’Oriente, a cominciare dal più grande, Giustiniano.

All’incirca verso la metà del III secolo d. C. si assistette ad un cambiamento nel tipo di militarizzazione. Prima i grandi condottieri che prendevano il potere rimanevano inquadrati nell’ordinamento giuridico romano: erano trascinatori di folle e di soldati, abituati al campo di battaglia ma con un rispetto forte verso la romanità. Ora, al contrario, ci troviamo davanti (a parte illustre eccezioni, come quella di cui ci accingiamo a trattare ora) uomini senza scrupoli, avventurieri, barbari in cerca di gloria.

Capitoli

Paragrafo Primo - L’ascesa di Diocleziano

Colui che inaugurò questa nuova stirpe di regnanti da Basso Impero fu Diocleziano. Quando nacque, il 22 dicembre del 244, l’Illiria era una delle province con la più alta concentrazione di soldati forniti a Roma. Leggi tutto »


Paragrafo Secondo - Sei nuovi Augusti

Uscito di scena il capo indiscusso, i mastini cominciarono ad azzannarsi a vicenda. Nel 305, il primo giorno di maggio, Diocleziano abdicò a favore di Leggi tutto »


Paragrafo Terzo - Costantino, il paladino della cristianità

Nel 312 d. C. la guerra civile pareva terminata. Costantino divideva il potere con Licinio, nominato direttamente da Diocleziano, e quindi Leggi tutto »


Paragrafo Quarto - La guerra fratricida

Costantino morì lasciando un’eredità che tutti i suoi figli e nipoti dilapidarono in tre decenni.
La grande scommessa dell’Impero Romano era quella di sopravvivere ancora una volta alla guerra civile tra Leggi tutto »


Paragrafo Quinto - Giuliano, l'imperatore dei pagani

Solo un imperatore, nella millenaria storia di Roma, può essere accostato ad Alessandro il Grande: Giuliano l’Apostata.
Quando si affronta questo gigante, bisogna andare cauti. Il Romanticismo Leggi tutto »


Paragrafo Sesto - L'inizio della fine

Giuliano, morendo, aveva lasciato l’esercito in una situazione difficile, ma alla quale era più che abituato. Doveva eleggere un nuovo Imperatore, e doveva farlo subito.
Inizialmente venne indicato un Leggi tutto »


Paragrafo Settimo - L'imperatore Ambrogio

I Goti non avevano la minima idea di cosa avrebbero potuto ottenere dopo la vittoria ad Adrianopoli. La capitale dell’Oriente era a loro completa disposizione, le ricche terre dell’Asia Minore potevano essere facilmente Leggi tutto »


Paragrafo Ottavo - Tra Occidente ed Oriente

Teodosio morì di malattia il 17 gennaio del 395, non ancora cinquantenne. La sua dipartita significò la definitiva separazione tra i due Imperi, quello Occidentale e quello Orientale. Fu Leggi tutto »


Paragrafo Nono - La distruzione del mondo

Quando la notizia della morte di Silicone giunse al campo di Alarico, questi dovette pensare più o meno questo: “Via libera”! Leggi tutto »


Paragrafo Decimo - L'ultimo difensore di Roma e il flagello di Dio

Intorno al 370, il popolo unno cominciava ad osservare da lontano i confini dell’Impero Romano. Nel 376, si ritrovava sulle sponde del mar Nero Leggi tutto »


Paragrafo Undicesimo - Il creatore di Imperatori

Non era certo la prima volta che una dinastia finiva nel sangue, ed un magister militum all’apice della sua carriera veniva eliminato da Leggi tutto »


Paragrafo Dodicesimo - L'ultimo nel nome del primo

Dopo il fallimento della seconda spedizione africana nel 468, l’atteggiamento di Costantinopoli nei confronti di Ravenna era cambiato moltissimo. La causa scatenante, Leggi tutto »


Le mie pubblicazioni

A vostra disposizione le mie pubblicazioni, buona lettura!

La guerra delle razze

Ti piace?

Se apprezzi il mio lavoro e vuoi contribuire al mantenimento del sito: effettua una donazione!!!
Non esitare... qualsiasi importo sarà gradito :-)

Dona con PayPal