Contenuto nascosto perché non hai accettato i cookie di marketing

Modifica il consenso

Saint Germain-en-Laye

Saint Germain-en-Laye

Attraverso le verdi frasche vidi a stento il tuo volto,
perché s’intrecciava con quelle: avevo il sole negl’occhi
e gli alberi cupi tra tenebrosi merletti
sfidavano i sinistri, tristi, cieli.

O sole, o estate! Dimmi in quale notte lontana,
il dorato e il verde, la gloria del tuo capo,
delle tue fronde, sono caduti? Oh, i bianchi
macilenti fantasmi che svolazzano dove tu camminavi,

attraverso la terrazza desolata,
e risuonavano della tua risata, spettro di te,
che delicatamente avvolgeva con il suo sudario
le dita morte, e dietro lo spettro di me,

che incespica con una bocca che schernisce
i torbidi ruscelli tra i fiori della giovinezza,
calpestano gli anni della desolazione
sino alla morte di tutti i nostri sogni dorati.


Contenuto nascosto perché non hai accettato i cookie di marketing

Modifica il consenso

Ti piace?

Se apprezzi il mio lavoro e vuoi contribuire al mantenimento del sito: effettua una donazione!!!
Non esitare... qualsiasi importo sarà gradito :-)

Contenuto nascosto perché non hai accettato i cookie di marketing

Modifica il consenso

Scarica Evangelium!

La prima edizione inedita del mio libro, scaricabile GRATIS in formato digitale ADESSO